Mps, basta con lo sciacallaggio

13 02 2013

Contro le speculazioni ed i profittatori

PortoneBancaMontedeiPaschidiSiena3


Siena, 13 febbraio – “Il clima che si sta registrando attorno al Monte dei Paschi in questo periodo è disgustoso, così come i soggetti che si affollano a banchettare sulle spoglie della banca per due etti di pubblicità e tre sporche righe sui giornali in periodo elettorale”. Così interviene Marzio Fucito, responsabile provinciale di CasaPound Siena, riguardo la situazione in corso attualmente in città.

“Dopo esser rimasti volontariamente ai margini del dibattito pubblico nelle ultime settimane – dichiara Gabriele Taddei, ufficio politico di Cpi – ci sentiamo adesso di esprimere il nostro sdegno per lo spettacolo indecoroso offerto sia da una parte della cittadinanza sia dalle voci extramoenia. La sensazione è quella di un altro infame otto settembre in piccolo, dove chi per 69 anni ha divorato tutto alla greppia di Mps e del sistema Siena, adesso si pone come l’unico esempio di rettitudine e soluzione ai mali della città, abbandonando la nave che affonda”.

“Non saremo certo noi – continua la nota di CasaPound – a lanciare un salvagente ai responsabili del crack del Babbo nè alla decennale dittatura del Partito, responsabili materiali ed esecutori dell’omicidio della città e la cui scomparsa non può che essere desiderata. Ma tutto sta prendendo le pieghe della ricerca di pochi capri espiatori, cui addossare le colpe, per continuare come se nulla fosse. Non è così: è ladro chi ruba, chi regge il sacco, chi fa il palo, ma anche chi passa per caso per i bisogni del cane, vede tutto e gira l’angolo silenzioso. Mezza città è complice, è quindi necessario un esame di coscienza collettivo, altrimenti non saremo capaci di reggere l’urto che sta per arrivare e di cui c’è ben poca consapevolezza. A prescindere dal colore politico di chi viene dileggiato, l’eterno ritorno ad un Piazzale Loreto, che sia rosso o nero, è un’infamia nazionale che va superata”.

pubblicato sul Corriere di Siena, 13 febbraio 2013

pubblicato su GoNews, 12 febbraio 2013

pubblicato su OkSiena, 12 febbraio 2013