Minacce di morte, risate a crepapelle

1 04 2010

Siena, 1 aprile – “Lo scorso giovedì è stato ritrovato sulla porta di casa di una ragazza appartenente al Blocco Studentesco un biglietto minatorio, contrassegnato dal tragico, tipico vocabolario dell’antifascismo militante. ‘X (non riportiamo il nome, ndr) occhio alla testa se vedo un punto nero sparo a vista (firmato) i compagni’. Il fatto è stato regolarmente denunciato alle forze dell’ordine come minaccia aggravata”. Lo riferisce Gabriele Taddei, responsabile di CasaPound Siena in una nota, sottolineando che “la ragazza, già oggetto di un’aggressione lo scorso autunno davanti ad un noto e malfamato bar di via Pantaneto, si è trovata nuovamente a che fare con l’infamia di quei gruppuscoli di estrema sinistra che, da qualche tempo, scorrazzano liberamente a Siena e ricevono voce e spazi da amministratori e politici cittadini”.

“Anche nella nostra città stiamo tornando ai picchetti sotto le abitazioni di chi la pensa diversamente? – si domanda CasaPound – L’intolleranza di questi squilibrati, frustrati dal consenso generato dalle nostre iniziative sociali, che non si vergogna di organizzare minacce e pestaggi antifascisti mettendo le mani su una ragazza inerme, un domani non eviterà loro di armarsi nuovamente. Le aggressioni ricevute dal Blocco Studentesco nell’ateneo di Palermo o nelle università romane, in cui studenti appartenenti ai collettivi di estrema sinistra sono stati fermati in possesso di ascie ed accette, lo dimostrano pienamente. La criminalità politicizzata va fermata a tutti i costi, ricordando che i responsabili non sono tanto le forze dell’ordine, quanto l’atteggiamento che ognuno di noi riserva al rapporto col pensiero altrui. Non possiamo continuare a dare credibilità ai cattivi maestri, vetrinette ai politicanti senza scrupoli e, addirittura, spazi e finanziamenti a chi fa della violenza il proprio credo politico. Siena non è diversa dal resto d’Italia: è urgente uscire dalla logica dello scontro e degli opposti estremismi, per aprire una stagione politica basata sul dialogo e la cooperazione”.

“CasaPound Italia ha dimostrato di saperlo fare – conclude Taddei – con l’ex brigatista Morucci, con la deputata del Pd ed alfiere degli omosessuali Paola Concia, con decine di iniziative quotidiane volte ad unire le forze della nazione anzichè dividerle portandole allo scontro. Qualcuno saprà risponderci anche nella sedicente civile Siena? Le esperienze passate ci spingono a credere il contrario, ma il nostro stupido, inguaribile ottimismo è pressochè infinito”.

Clicca qui per l’intervista di Antenna Radio Esse alla militante aggredita

pubblicato da Antenna Radio Esse, 1 aprile 2010

pubblicato da Antenna Radio Esse, 2 aprile 2010

pubblicato dal Corriere di Siena, 2 aprile 2010

pubblicato da La Nazione, 2 aprile 2010

pubblicato sul Cittadino Online, 2 aprile 2010 – www.ilcittadinoonline.it/index.php?id=25302

pubblicato sul Corriere di Siena Online

pubblicato su La Nazione Online

pubblicato dall’agenzia Ansa e dalla Regione Toscana

pubblicato sul blog di Stefano Bisi

Annunci

Azioni

Information

One response

1 04 2010
flavio

siamo alle solite, sono paladini della tolleranza e della libertà di pensiero, guai però se la si pensa diversamente da loro!! io non ho una posizione politica precisa , ma di sicuro non è la loro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: