Non facciamone museo

20 02 2009

Il modo migliore di ricordare il centenario futurista è dimenticarlo


Cento anni fa, il 20 febbraio 1909, la pubblicazione del manifesto futurista sulle pagine del Figaro consacrava il movimento d’avanguardia, già battezzato in precedenza a Verona e poi a Bologna. Dobbiamo moltissimo al futurismo ma soprattutto, in cambio, gli dobbiamo il rispetto del suo spirito. “Quando avremo quarant’anni metteteci da parte, noi lo esigiamo”. Sicché non si può fare di questo cenetanario alcuna commemorazione, non si può ingessare e mummificare in celebrazioni o musei quel che si erse violentemente a distruggere tutto ciò e ogni griglia di prigionia e di conformismo. Se si vuol celebrare il futurismo anziché commemorarlo si provi a riprenderne lo slancio per andare comunque oltre, altrove. Marinetti e i futuristi lo esigono.
Annunci

Azioni

Information

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: